• +39 370 323 7674
  • info@casagp2.org

IN.CON.TRA. 2020

IN.CON.TRA. 2020

IN.CON.TRA. è uno spazio che la Chiesa di Adria-Rovigo, tramite il Servizio di Pastorale giovanile, offre ai giovani che vivono in Polesine per ascoltarli, non con il tratto paternalistico di chi ascolta con le risposte già pronte da dare ma piuttosto con il tratto paterno di voler far emergere le loro idee, convinta che «L’ascolto rende possibile uno scambio di doni. Esso consente ai giovani di donare alla comunità il proprio apporto, aiutandola a cogliere sensibilità nuove e a porsi domande inedite» (Sinodo 2018).
IN.CON.TRA., giunto alla sua seconda edizione, ha come obiettivo quello di mettere in circolo le idee. In un cambiamento d’epoca come quello che la società contemporanea sta attraversando, crediamo nella profezia giovanile come tratto caratteristico. Tuttavia, è sembrato opportuno che in questo scambio di idee, gli adulti non mancassero.  IN.CON.TRA. vuole mettere in circolo le idee creando, con semplicità anche uno scambio sul piano intergenerazionale.
IN.CON.TRA, in sintesi, è un tempo necessario per INcontrarsi tra giovani e adulti (capaci di ascoltare) di diverse realtà; CONfrontarsi insieme su uno o più temi; e provare ad elaborare passi concreti per TRAsformare la realtà a partire da ciò che si è, o si ha.
Per guardare in faccia il futuro è necessario prendere sul serio il presente. I giovani sono il presente e il futuro e siamo convinti che tutti, veramente tutti, possano far sentire la loro voce.
IN.CON.TRA è una occasione che offriamo per vivere da protagonisti dentro questa Chiesa e per questo territorio.

ISCRIZIONI ON LINE CHIUSE

e quindi come facciamo?

sarà possibile iscriversi domenica mattina a San Bellino

ma comunque prepara il modulo della privacy compilato e iscriviti ai workshop

Scarica il modulo di partecipazione (scheda privacy).

Il modulo deve essere scaricato per tutti i partecipanti non solo per il referente che iscrive i gruppi.

ISCRIZIONI ONLINE AI WORKSHOP CHIUSE (Ci si potrà iscrivere domenica mattina a San Bellino)

1. La città come casa comune.Cosa c’è oltre la finestra di casa mia?

Capire le trasformazioni urbane per affrontare le nuove sfide sociali: incentivare l’interazione e lo scambio tra saperi, accrescere i legami di comunità, creare inclusione e contribuire al ripensamento dei vuoti urbani, dei servizi locali e, in generale, formulare una nuova visione di territorio.

Ci aiuteranno ad entrare in questa sfumatura ecologica alcuni responsabili del progetto “LUCI – Laboratori Urbani per Comunità Inclusive”

2. Vie nuove di ascesi.Cosa c’è oltre la conquista di una vetta?

C’è la possibilità di viaggiare leggeri, di usare e consumare meno. Riusciamo a cavarcela sempre con molto meno di quanto immaginiamo. Occorre rivedere le relazioni che abbiamo con i nostri simili e la natura. Ciascuno di noi è chiamato alla fondamentale distinzione tra quello che vuole e quello che gli serve. Solo attraverso una simile abnegazione, attraverso la nostra volontà di rinunciare e qualche volta di dire no oppure basta, riscopriremo il posto che ci spetta nell’universo come esseri umani.

Ci aiuterà ad entrare in questa sfumatura ecologica Piero Mandruzzato, direttore CARITAS Adria-Rovigo

3. Tavoli che possono.Cosa c’è oltre il mio diritto di voto?

Sulle questioni ecologiche e di inclusione passare dalla teoria alla prassi rischia di essere difficile. Alcuni comuni italiani, con il loro esempio testimoniano che intervenire a difesa dell’ambiente e migliorare la qualità della vita è possibile. Perchè non seguirli?

Ci aiuterà ad entrare in questa sfumatura ecologica Marco Boschini, Coordinatore nazionale dell’Associazione Comuni virtuosi

4. Scatti d’ambiente.Cosa c’è oltre un sole che tramonta?

(workshop a numero chiuso - max due persone per parrocchia/associazione) 

“ …una delle motivazioni della crescita di un bimbo è che di ogni cosa si meraviglia” al tempo d’oggi è un grande pregio, allora io sono un bambino mi dissi! Voglio continuare a meravigliarmi di qualsiasi cosa accada attorno a me, di un film o di un’immagine rivista, di una canzone ascoltata per l’ennesima volta, di un incontro casuale, di un gusto particolare, non lasciarmi sfuggire nulla ,nessuna esperienza, nessuna emozione. Ecologia è anche apprezzare, stupirsi di ciò che ci circonda. Oltre un tramonto, un volto, un fiore, oltre ogni cosa, ogni persona, c’è una storia.  Proviamo a vederla.

Ci aiuterà ad entrare in questa sfumatura ecologica Giulio Cesare Grandi, fotografo professionista

Porta nel tuo smartphone, ad In.Con.Tra. una foto per te significativa e porta il tuo telefono o la macchina fotografica

L’ EDIZIONE 2020 In.Con.Tra. 2020 si terrà il 16 febbraio a San Bellino, paese di 1100 abitanti nel cuore del  Polesine che prende il nome dal Patrono della diocesi, il vescovo e martire le cui reliquie sono conservate nella Basilica. La scelta di questo comune mediopolesano nasce dal desiderio di valorizzare una realtà medio-piccola, in cui da anni si cerca, di incentivare l’attenzione ecologica integrale intesa come attenzione all’ambiente e alle persone. Le scelte messe in atto dall’amministrazione comunale negli ultimi anni, nonché le realtà di volontariato presenti sul territorio e la presenza delle reliquie del santo patrono della diocesi, distintosi nella sua vita per la lotta contro chi sfruttava i più deboli ci hanno portato a scegliere San Bellino come sede di In.Con.Tra. 2020.

IL TEMA Nell’ultimo anno tanti giovani sono scesi in piazza in tutto il mondo, e anche in Polesine, per manifestare contro il cambiamento climatico e le scelte dei grandi della terra. Tuttavia, ci sembrava necessario offrire uno spazio per un confronto autentico sulle questioni ambientali e su una visione ecologica integrale che tenesse conto dell’ambiente nella sua totalità. Mentre sosteniamo la protesta di tanti giovani che cercano di levare la propria voce contro ogni forma di abuso, ci sembra altrettanto importante offrire spunti “più alti” di riflessione perché crescano e possano, nella società, avere un pensiero critico capace di superare la banalizzazione della questione ecologica e poter offrire visioni più ampie e prospettive più profonde. Non possiamo ovviamente non tenere conto anche della visione cristiana della questione a partire dall’Enciclica Laudato sì di papa Francesco.

ALTRE INFO In.Con.Tra è rivolto a giovani dai 17 anni in su. Il contributo richiesto per partecipare è di 5 euro a testa da versare all’atto di iscrizione tramite bonifico bancario. Sarà possibile iscriversi fino al 10 febbraio 2020. 

IL PROGRAMMA 

h 9.00         Check-in                       Intro teatrale alla giornata

h 9.45         EcoSpech                     Relazione provocatoria iniziale a cura del prof Simone Morandini

h 10.15        CON-FRONTO                Workshop (a scelta tra quelli proposti)

h 13.00       Pranzo                                   al sacco – deve creare meno rifiuti possibili

h 14.30       IN.CON.TRA. EXPO       Incontro con alcune realtà che sul territorio mettono in atto scelte “ecologiche integrali”

h 16.15       Messa                         Presso la Basilica del Patrono

h 17.00      check-out                    Saluti e appuntamento al 2021